Giorno 30: Gli slum di Soyapango
5 dicembre 2022

Qualche giorno fa il presidente di El Salvador Bukele ha annunciato che era in corso un’immensa operazione di polizia. La città satellite di San Salvador Soyapango è stata circondata da 8.500 militari e 1.500 agenti di polizia che hanno setacciato casa per casa alla ricerca dei membri delle bande che ancora si nascondevano nella zona. Si sono contati più di 150 arresti.
Soyapango è una delle realtà più difficili del Paese. Quasi trecentomila abitanti. Al suo interno ci sono diverse comunidad. Questo è il nome usato qui per le baraccopoli. O favelas, se preferite.
La cosa ironica è che due giorni prima dell’operazione di polizia ho visitato due quartieri diversi, il poverissimo Ciudad de Dios, che sorge su una vecchia discarica, e il violento Santa Lucia, uno dei covi storici delle bande criminali.
L’unico motivo per cui ho potuto entrare in questi luoghi è che i pandilleros, i gangster, sono stati duramente colpiti dalla repressione governativa degli ultimi mesi. Molti sono stati arrestati e quelli che sono sfuggiti all’arresto hanno lasciato la zona. Almeno così mi è stato detto. A quanto pare non tutti. In ogni caso, se avessi cercato di entrare qui un anno fa, la mia stessa vita sarebbe stata in pericolo. Tuttavia, per precauzione, ho un autista locale, solo raramente mi è permesso di scendere dall’auto, e siamo scortati da una persona conosciuta nel quartiere, che ci precede in moto. La nostra guida viene da queste strade, ha vissuto cinque anni sotto un ponte e ha un passato di tossicodipendenza da cui è uscito con l’aiuto di una comunità.
È stata una giornata illuminante per me. Necessario.
Dobbiamo fare i conti con gli ultimi di questo Paese. Non possiamo ignorarli. Secondo i dati ufficiali di El Salvador, il 26% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà estrema. Si tratta di 1,7 milioni di persone. Eppure, per molti dei turisti bitcoiner che vengono in questo Paese, la povertà è la signora che vende papusas all’angolo della strada. Non è così. La signora è un’imprenditrice. Ha un negozio. La povertà, quella vera, si nasconde in enormi quartieri fatti di case di latta. Senza acqua corrente, fognature o elettricità. Città invisibili, dove nessuno va e di cui nessuno parla.
Questo è un grave errore.
Se vogliamo che la Bitcoin abbia successo in questo Paese, dobbiamo migliorare anche le condizioni di vita di queste persone. Perché sono loro ad averne più bisogno e perché è la loro povertà, come ci dimostra l’operazione di polizia degli ultimi giorni, ad alimentare la criminalità.
Nei prossimi giorni pubblicherò le immagini che ho scattato a Soyapango nel nuovo vlog. Non sarà divertente. Sarà un colpo allo stomaco. Ma è necessario. Il mio lavoro qui è anche questo.
Iscrivetevi al nostro canale YouTube per non perdervelo.